Volterra che innova - Alabastro - Mostre e eventi

Poetico Alabastro

Di Giuseppangela Campus. La storia dell’alabastro va oltre la storia della pietra ornamentale che magistralmente è stata lavorata a Volterra nei secoli e di cui si raccolgono le preziose testimonianze nei musei, nelle gallerie, nei laboratori, nella vita vissuta e raccontata degli artigiani, nel lavoro creativo dei designer ed artisti che si dedicano all’alabastro per le sue potenzialità tecniche ed espressive, inventando forme per creare nuovi oggetti ed esperienze estetiche/immateriali. La “pietra di luna e la “pietra liquida”: materiale morbido, decisamente ricco di fascino entra nella storia dell’immaginario, tanto che la parola “Alabastro”, verrà utilizzata, nel tempo, da moltissimi poeti come sinonimo di luce, di pregevolezza, intimità, purezza, ma anche, di eros, carnalità, musica, dolore e morte. Nel “Dizionario dei luoghi comuni”, scritto fra il 1850 e il 1880, Gustave Flaubert ci dice che questo termine serviva in letteratura “a descrivere le parti più belle del corpo femminile”. Per dare conto della ricchezza culturale di questo vocabolo nasce il progetto “Poetico Alabastro”, pensato per essere prodotto e realizzato come operazione multimediale: video proiezioni, installazione, cartoline, letture, ecc. Il progetto di Giuseppangela Campus rientra nell’ambito di Volterra prima città Toscana della Cultura 2022 ed è stato sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra, dalle associazioni Ultima Frontiera, Le Distillerie, Carte Blanche.

Organizzato da: COMUNE DI VOLTERRA

Sottopasso pedonale di San Francesco - Volterra

  22 Ottobre

  DALLE 15:30 ALLE 23:45

Eventi simili

in evidenza

Luisa Bocchietto

Ospite di Volterra22

Made with
Live Signage